HOME PAGE        FOTOGALLERY     CONTATTI       VIDEO         ARCHIVIO        REGISTRATI         DOWNLOAD     COMMENTI       CHI SIAMO

                   A R E A   ISCRITTI

   E-mail  Password   

    
        16-11-2015. | THE NEWSPHERA BLOG
             SOMMARIO
  L'OPINIONE
  Politica
  Notizie dal mondo
  Arte e Cultura
  Economia e Finanza
  Tecnologia
  Salute e Benessere
  Costume e società
  Speciali e Inchieste
  Video
  Social Network
            RUBRICHE
  Malasanità
  Osservatorio Sociale
  Giustizia e Sicurezza
  Diritti Umani
  Guerre senza Pace
  Unione Europea
  Camera e Senato
  Istruzione
  Consumo Critico
  Media-Mente
  Ambiente
  Scienze
  Gossip 
  Cinema e Teatro
 

 

          NOVITÀ!

Download software free

Test ADSL
Misura gratuitamente la velocità del tuo sito

(c) speedtest-italy.com - Test ADSL

  Autori      

 

 

 

    

Al di là del bene e del male

 
 
Web1Ago2010EmergenzaNegliOspedaliPsichiatriciGiudiziari

Emergenza negli Ospedali Psichiatrici Giudiziari

La commissione d’inchiesta del Senato negli ultimi due mesi rivela l'orrore dei manicomi criminali.

02/08/2010 - Tra i mesi giugno e luglio la commissione d’inchiesta del Senato sul servizio sanitario nazionale, presieduta dal senatore del Pd, Ignazio Marino, ha effettuato dei controlli a sorpresa sugli O.p.g dislocati sul territorio (maggiori info sullo Speciale N° 12 - sezione Archivio - dal titolo: FOCUS ON: I NUMEROSI SUICIDI NELL'OPG DI AVERSA, FRANCESCO SAPORITO, DAL 2002 A OGGI). Da quando è entrata in vigore legge Basaglia i manicomi hanno cambiato denominazione:

Corridoio dell'Ospedale Psichiatrico Giudiziario di Aversa

 


Il senatore del Pd Ignazio Marino richiama la ratio che ha ispirato gli Opg: «È la logica del codice Rocco, ereditato dai tempi del fascismo». E negli ultimi anni sono stati diversi, i tentativi da parte del governo di revisionare la legge 180 formulata dallo Psichiatra franco Basaglia, che abolì i manicomi.

 


Un degente nell'Ospedale Psichiatrico Giudiziario di Aversa

Per contrastare questo inquietante clima culturale che sta prendendo sempre più corpo all'interno della maggioranza, la commissione d’inchiesta del Senato sul servizio sanitario nazionale, di cui Marino è presidente, giovedì 29 luglio ha presentato alla stampa, ancor prima che in Aula, i dati di una serie di ispezioni a sorpresa, svolte tra giugno e luglio, tra gli Opg. L'effetto è stato così nauseante che perfino il capogruppo in commissione del Pdl (il partito che vuole riaprire i manicomi) è rimasto turbato.

Perfino i camici degli addetti ai lavori erano dello stesso grigiume delle lenzuola. un degrado totale. Il massimo dell'orrore lo si raggiunge quando si arriva all'altezza della cella dell'unica trans rinchiusa nella struttura: i commissari apprendono che non ha neanche il diritto ad usufruire dell'ora d'aria. Manco fosse un'appestata o un serial killer. Il sospetto, terribile, è che l'unica colpa che si porta dietro è quella di essere un paziente ancor meno normale degli altri, un'anormalità che comunica inquietudine, in un luogo che, già di per sé, è denso di paranoie nell'aria. Secondo chi è entrato nell'Opg, le foto scattate per documentare il tutto non riescono a restituire una visione aderente alla realtà circa lo squallido degrado di fronte a cui si sono trovati gli ispettori sanitari.

Le note prese dalla delegazione di senatori e carabinieri dei Nas riferiscono che a Barcellona Pozzo di Gotto (Messina) c'erano 329 degenti ammassati in celle costruite nel 1914. Psicologi e psichiatri, così come qualsiasi attività educativa, erano completamente assenti. Ovunque sporcizia, muffe, intonaci scrostati, porte rotte, vetri incrinati, ruggine, pavimenti rotti, esalazioni di urina. Un paziente era nudo e legato al letto con le garze. Aveva un ematoma sulla testa ma il diario clinico non riportava alcunché in merito alle sue condizioni. Ad Aversa (Caserta), costruita nel 1898, ci sono 320 ospiti in celle concepite per sei persone. Anche qui il tenore di vita ha ben poco di umano. ci sono due padiglioni ristrutturati per le esigenze varie del personale, che invece preferisce cambiarsi direttamente nella tromba delle scale... 

 

La somministrazione dei farmaci stupefacenti è registrata una volta l’anno. I Nas hanno denunciato tutto alla procure ma sono proprio queste ultime a condannare molti pazienti a una sorta di «ergastolo bianco». A Secondigliano, l’Opg è dentro il carcere: il 40 per cento dei rinchiusi è in deroga. Ci sono casi assurdi, come quello di un paziente che è internato da 25 anni, e ne avrebbe dovuti scontare solo due. Nessuno lo risarcirà per un quarto di secolo trascorso in quest'inferno dimenticato dagli uomini "normali". Un altro da tre anni attende il trasferimento in comunità. Ha ustioni e occhi neri che non eergono dai rapporti stilati nei diari clinici. Così come si sono dimenticati (?) di scriverci che mani e piedi vanno inesorabilmente in cancrena. Nessuno, a curarsi di questa gente.  

 

Continua alla pagina successiva>>>>

 

 

 

 

Commenta l'articolo>>>
 

I commenti dei lettori