HOME PAGE        FOTOGALLERY     CONTATTI       VIDEO         ARCHIVIO        REGISTRATI         DOWNLOAD     COMMENTI       CHI SIAMO

                   A R E A   ISCRITTI

   E-mail  Password   

    
        16-11-2015. | THE NEWSPHERA BLOG
             SOMMARIO
  L'OPINIONE
  Politica
  Notizie dal mondo
  Arte e Cultura
  Economia e Finanza
  Tecnologia
  Salute e Benessere
  Costume e società
  Speciali e Inchieste
  Video
  Social Network
            RUBRICHE
  Malasanità
  Osservatorio Sociale
  Giustizia e Sicurezza
  Diritti Umani
  Guerre senza Pace
  Unione Europea
  Camera e Senato
  Istruzione
  Consumo Critico
  Media-Mente
  Ambiente
  Scienze
  Gossip 
  Cinema e Teatro
 

 

          NOVITÀ!

Download software free

Test ADSL
Misura gratuitamente la velocità del tuo sito

(c) speedtest-italy.com - Test ADSL

  Autori      

 

 

 

    

Al di là del bene e del male

  31 ago 2010 - L'IPOTESI STEGOCRATICA - Parte Seconda - pag2

La TV italiana, specchio distorto della realtà

 

Il moderato Vespa, che ambisce ad entrare in punta di piedi nelle case degli italiani (sempre con psichiatra al seguito), si è fatto una cultura accademica sul tema che rivaleggia con quella di un medico forense. Questo sì che è professionismo. Ma perché parlare così spesso di efferati delitti?

Espressione enigmatica e 'volpina', della serie: "Ho visto cose che voi umani..."

 

____o°O°o____  

Beh, forse perché negli omicidi è molto probabile che alla fine ci si ritrova con un colpevole da una parte, e una vittima dall'altra. Nel finale le sfumature si sciolgono ed è un sollievo per l'opinione pubblica poter constatare che il bene è ben diviso dal male, e non inframmezzato l'uno all'altro come invece accade spesso nella vita reale.

Un unico neo, pardon... un appunto. Rivolto al Cardinale della prima Rete nazionale: vede, non tutti i giornalisti sono soliti gettarsi come avvoltoi sui protagonisti delle cronache nere più avvilenti - spesso proposte per cambiare menù rispetto ai temi politici, con cui diventa molto più facile e probabile, prima o poi , inimicarsi qualcuno. Forse il dottor Bruno Vespa potrebbe provare con l'essere un po' più severo con se stesso, e più indulgente con la corporazione di cui fa parte.

Chissà che un bel giorno lo specchio che tutti noi incontriamo al mattino, quando si comincia la giornata, per lui non diventi - come per magia - improvvisamente più benigno.

 

 

 

Bruno Vespa in un momento informale, mentre recupera le energie, immerso nella natura. Dopo tanti profili psicopatici imparati a memoria durante questi mesi sfibranti di trasmissione, a noi piace immaginarcelo così: in una situazione molto semplice, da persona normale.  Coscienti che è solo un breve riposo: un apostrofo 'verde' tra una strage e l'altra. La luna consiglia: cambiare genere per qualche anno, dedicandosi alla cronaca rosa. Criminologi e serial killer non se ne avranno a male...

 

di Alex Sfera - 23 ottobre 2010

 

 

  <pagina precedente                 pagina 2 di 2                                pagina successiva>

 

 

Commenta l'articolo>>>


 

I commenti dei lettori