HOME PAGE        FOTOGALLERY     CONTATTI       VIDEO         ARCHIVIO        REGISTRATI         DOWNLOAD     COMMENTI       CHI SIAMO

                   A R E A   ISCRITTI

   E-mail  Password   

    
        16-11-2015. | THE NEWSPHERA BLOG
             SOMMARIO
  L'OPINIONE
  Politica
  Notizie dal mondo
  Arte e Cultura
  Economia e Finanza
  Tecnologia
  Salute e Benessere
  Costume e società
  Speciali e Inchieste
  Video
  Social Network
            RUBRICHE
  Malasanità
  Osservatorio Sociale
  Giustizia e Sicurezza
  Diritti Umani
  Guerre senza Pace
  Unione Europea
  Camera e Senato
  Istruzione
  Consumo Critico
  Media-Mente
  Ambiente
  Scienze
  Gossip 
  Cinema e Teatro
 

 

          NOVITÀ!

Download software free

Test ADSL
Misura gratuitamente la velocità del tuo sito

(c) speedtest-italy.com - Test ADSL

  Autori      

 

 

 

    

Al di là del bene e del male

 
 
Il Club Bilderberg

Il Club Bilderberg

15 anni ci  sono voluti al giornalista Daniel Estulin per svolgere delle indagini  degne di uno 007 d'altri  tempi. E dare alle stampe un libro che affronta le trame segrete di un progetto occulto, nato per costituire il cosiddetto governo mondiale, da cui hanno preso origine le teorie del complotto e diverse versioni a cui si rifanno coloro che chiamano le masse a reagire nei confronti di un presunto Nuovo Ordine Mondiale.

 

Che di nuovo presenta forse alcune recenti modalità offerte dalla globalizzazione, la quale avanza, cinicamente e a tamburo battente, senza riserva alcuna verso i più deboli della società. Ma che i riccastri di tutto il globo si consultino per vedere come fare ad indirizzare al meglio le economie mondiali in modo tale che la direzione scelta si traduca poi, per loro, nella possibilità di chiudere ottimi affari, e realizzare lauti profitti, beh… è storia antica di almeno 3 o 4 mila anni. Almeno fin da quando i faraoni egiziani parlavano alle folle, in nome degli dei. Salvo che dentro la statua dell'oracolo spesso c'era proprio il gran sacerdote. Un antenato dei moderni furbetti, insomma. Ma arriviamo al nostro eroe. 


Daniel Estulin è un giornalista d’inchiesta che attualmente vive in Spagna, ma è figlio di un dissidente russo. Nel luglio del 2009 ha pubblicato un libro, scritto dopo 15 anni di indagini serrate e pericolose, dal titolo Il Club Bilderberg, che è stato tradotto in 50 lingue e diffuso in oltre 70 Paesi, diventando rapidamente un bestseller internazionale, di cui è prevista a breve la versione cinematografica. Usando metodi da agente segreto, simili allo spionaggio da Guerra Fredda, ha svelato i retroscena del più potente e segreto organo decisionale della Terra: "Il Club Bilderberg – La storia segreta dei padroni del mondo", il quale impone ai suoi membri – il Gotha dell’alta finanza, della politica e della diplomazia internazionale – il totale segreto su quanto viene discusso nei loro meeting annuali, tenuti ogni volta in una località diversa (e molto esclusiva) del pianeta.


Estulin è diventato una delle voci più rappresentative dell’informazione senza censure. Intervistato in tutto il mondo, protagonista di trasmissioni radiofoniche, tiene conferenze sulle società segrete e sull’intelligence mondiale. Ai giornali racconta: «Nel 1996 cercarono di uccidermi, nel 1998 di sequestrarmi, nel 1999 di corrompermi, nel 2000 di arrestarmi, e l’anno dopo mi offrirono un assegno in bianco se avessi taciuto una volta per tutte. Dopo aver letto questo articolo, e conosciuto qualcosa di più sui membri del gruppo in questione, vi renderete conto anche voi che avrebbero potuto in modo relativamente semplice toglierlo di mezzo se solo ne avessero avuto realmente la volontà di farlo…»


Nel 1954, quando su iniziativa del principe olandese Bernhard van Lippe-Biesterfeld
(ex affiliato al Partito Nazista, nel 1933; in seguito fondò il WWF ma fu poi espulso per lo scandalo di una tangente da 1,1 milioni di dollari avuti dalla Lockheed Corporation per la vendita di aerei caccia all'aviazione olandese), e del banchiere David Rockefeller, il 29 maggio, circa 130 esponenti accuratamente selezionati del mondo politico, economico, industriale e militare si riunirono, su invito non ufficiale, a Oosterbeek, in Olanda all'Hotel Bilderberg: da cui il nome di questa organizzazione. Da allora, una o due volte all'anno, per un fine settimana, questa conferenza si è riunita in gran segreto, in hotel o resort di lusso in varie parti del mondo, normalmente in Europa e una volta ogni quattro anni negli Stati Uniti o in Canada. Con lo scopo di dettare le linee guida della globalizzazione e, secondo alcuni, instaurare il Nuovo Ordine Mondiale. Il gruppo include i dirigenti delle istituzioni, delle aziende e delle organizzazioni più influenti del mondo tra cui diverse personalità italiane.


Dato che le discussioni durante questa conferenza non sono mai registrate o riportate all'esterno, questi incontri sono stati oggetto di critiche e di varie teorie del complotto. Il gruppo Bilderberg è stato a lungo sospettato, da alcuni, di essere una società segreta di tipo massonico.
La dettagliata opera di Estulin dimostra come il Club Bilderberg sia stato coinvolto nei maggiori misteri della storia recente, dal Piano Marshall allo scandalo Watergate e come in questa élite emergano le figure chiave dello scacchiere internazionale: presidenti USA, direttori di agenzie come CIA o FBI, vertici delle maggiori testate giornalistiche. Estulin colpisce questa organizzazione proprio nel punto più vulnerabile: la priva della segretezza, della discrezione e dell’ombra di cui si è sempre servita e di cui necessita per attuare i suoi piani.

Ne hanno fatto parte, tra gli altri, Bill Clinton, ex Presidente americano, Jean-Claude Trichet, governatore della Banca Centrale Europea, Juan Carlos di Spagna, Filippo del Belgio, Carlo d’Inghilterra, George Soros, Henry Kissinger, i Rothschild, tanto per citarne alcuni, ma la lista include centinaia di altri nomi conosciuti tra cui diverse personalità italiane.


A questo elenco mancano: la consorte del  Re di  Spagna (Sofia di Grecia), Carlo d’Inghilterra, David Rockfeller (banchiere stra-ricco),
Bernhard van Lippe-Biesterfeld (Jena, 29 giugno 1911 – Utrecht, 1 dicembre 2004),
principe dei Paesi Bassi, ex affiliato al Partito Nazista (ma in seguito, anche… fondatore del WWF !?!? Già, proprio così...), più altre personalità influenti del pianeta.

 

 

di Alex Sfera



Commenta l'articolo