HOME PAGE        FOTOGALLERY     CONTATTI       VIDEO         ARCHIVIO        REGISTRATI         DOWNLOAD     COMMENTI       CHI SIAMO

                   A R E A   ISCRITTI

   E-mail  Password   

    
        16-11-2015. | THE NEWSPHERA BLOG
             SOMMARIO
  L'OPINIONE
  Politica
  Notizie dal mondo
  Arte e Cultura
  Economia e Finanza
  Tecnologia
  Salute e Benessere
  Costume e società
  Speciali e Inchieste
  Video
  Social Network
            RUBRICHE
  Malasanità
  Osservatorio Sociale
  Giustizia e Sicurezza
  Diritti Umani
  Guerre senza Pace
  Unione Europea
  Camera e Senato
  Istruzione
  Consumo Critico
  Media-Mente
  Ambiente
  Scienze
  Gossip 
  Cinema e Teatro
 

 

          NOVITÀ!

Download software free

Test ADSL
Misura gratuitamente la velocità del tuo sito

(c) speedtest-italy.com - Test ADSL

  Autori      

 

 

 

    

Al di là del bene e del male

 
9973- 05/11/2010 - Sei a > Costume e Società - Commissione parlamentare d'inchiesta
Sicilia. Tubicino dimenticato nell'addome dopo cesareo.


Venerdì 5 novembre, Sanità Sicilia. Tubicino dimenticato nell'addome dopo cesareo.
Il Presidente della Commissione parlamentare d'inchiesta Orlando chiede relazione
 

 

Il Presidente della Commissione parlamentare d’inchiesta sugli errori in campo sanitario e sulle cause dei disavanzi sanitari regionali, l’on. Leoluca Orlando, ha scritto all’ assessore regionale alla Sanità della regione Sicilia Massimo Russo, chiedendo una relazione in merito ad un presunto caso di malasanità verificatosi all’Ospedale Buccheri La Ferla Fatebenefratelli di Palermo e riguardante un tubicino dimenticato nell’ addome di una donna..


____o°O°o____

 

... che era stata sottoposta a parto cesareo. Il 7 luglio del 2008, la trentaseienne, all’ottavo mese, si era recata presso il nosocomio per un controllo ma i medici avevano deciso di procedere con un cesareo d'urgenza. Dopo un mese e mezzo la signora, che presentava dolori, perdita di peso e vomito, temendo di essere affetta da un male incurabile, era tornata all'ospedale per un controllo ma solo a gennaio scorso, ad un anno e mezzo dal cesareo, grazie ad una radiografia, viene scoperto che nel suo addome era stato dimenticato un tubicino di drenaggio lungo 43 centimetri. La Procura ha iscritto sul registro degli indagati i nomi di sette medici con l'accusa di lesioni colpose: il primario di ginecologia dell'ospedale Buccheri e i medici dell'équipe che hanno operato e visitato dopo il parto la paziente.

 

“Episodi di questo genere, qualora confermati - ha detto Orlando - evidenziano una mancanza di perizia e attenzione da parte del personale medico a cui i pazienti affidano il loro diritto alla salute. Nostro compito, come Commissione, è quello di far crescere la fiducia del cittadino nel sistema sanitario. Per questo - conclude Orlando - abbiamo scritto all’assessore regionale alla Sanità per chiedere una relazione dettagliata su quanto accaduto, anche in riferimento a specifiche responsabilità individuali o a disfunzioni di tipo organizzativo e funzionale, per eventuali ulteriori adempimenti di competenza”.

 

Comunicato stampa Commissione parlamentare sugli errori sanitari
 

pagina 1 - 2

 

Commenta l'articolo>>>

I commenti dei lettori
 

 

 

      Vedi altri articoli dello stesso autore
 



Aggiungi a elenco articoli preferiti

                                              Home   webmaster  Contatti    Registrati 

Copyright © Tecnologie Aperte 2003  http://www.newsphera.it