HOME PAGE        FOTOGALLERY     CONTATTI       VIDEO         ARCHIVIO        REGISTRATI         DOWNLOAD     COMMENTI       CHI SIAMO

                   A R E A   ISCRITTI

   E-mail  Password   

    
        16-11-2015. | THE NEWSPHERA BLOG
             SOMMARIO
  L'OPINIONE
  Politica
  Notizie dal mondo
  Arte e Cultura
  Economia e Finanza
  Tecnologia
  Salute e Benessere
  Costume e società
  Speciali e Inchieste
  Video
  Social Network
            RUBRICHE
  Malasanità
  Osservatorio Sociale
  Giustizia e Sicurezza
  Diritti Umani
  Guerre senza Pace
  Unione Europea
  Camera e Senato
  Istruzione
  Consumo Critico
  Media-Mente
  Ambiente
  Scienze
  Gossip 
  Cinema e Teatro
 

 

          NOVITÀ!

Download software free

Test ADSL
Misura gratuitamente la velocità del tuo sito

(c) speedtest-italy.com - Test ADSL

  Autori      

 

 

 

    

Al di là del bene e del male

 
9975 – 26/11/2010 – La Redazione
I rifiuti nelle strade di Napoli raggiungono le tremila tonnellate


 

Alcune settimane fa, la quantità di rifiuti raggiungeva le 1700 tonnellate, ma la situazione si è aggravata quando il comune di Terzigno, dove si trova una delle discariche, ha vietato lo scarico dei rifiuti. Anche a Boscoreale, una cittadina vicina, a 24 chilometri da Napoli, la tensione rimane alta, secondo quanto riporta il giornale italiano “La Stampa”.

 

Il sindaco Gennaro Langella è stato aggredito dai manifestanti che pretendevano che impedisse con un documento ufficiale il passaggio degli autocompattatori verso lo sversatoio di Cava Sari. Secondo le stime della commissione parlamentare d’inchiesta, in tutta la regione ci sono quasi novemila tonnellate di rifiuti, ha fatto sapere la France Presse, alla quale il presidente della commissione, Gaetano Pecorella, ha detto che si sta prospettando il rischio di “una catastrofe ambientale entro trenta giorni”, se non ci sarà un intervento da parte delle autorità competenti.

 

In piena crisi politica, con la dimissione di quattro membri del Governo, il primo ministro Silvio Berlusconi ha promesso di visitare Napoli nuovamente nel tardo pomeriggio di oggi, cosa che non è avvenuta per impegni in agenda, e domani ha convocato d’urgenza il Consiglio dei Ministri per dare una risposta alla crisi. Il 22 ottobre il premier aveva promesso di risolvere la questione nel giro di dieci giorni, ma il problema, irrisolto da anni, rimane tutt’ora senza la risposta tanto attesa dalla popolazione. In quel periodo, al culmine della crisi dei rifiuti, la polizia si è scontrata con circa duemila manifestanti che hanno lanciato sassi e distrutto gli autocompattatori ed hanno bloccato l’accesso al sito di Terzigno.

 

Venti poliziotti sono rimasti feriti negli scontri. La soluzione del problema dei rifiuti è una delle bandiere politiche care a Berlusconi. Nel 2007, era uno dei problemi più importanti, e l’anno successivo ha contribuito alla vittoria del Cavaliere nelle elezioni legislative, ricorda la France Presse. Se l’Italia non adotterà un sistema di raccolta e trattamento dei rifiuti che permetta di evitare i rischi alla salute pubblica, come ha già fatto capire la Corte europea di giustizia, Berlusconi si troverà sotto pressione per risolvere, assieme con le autorità locali, un problema che persiste da tre anni.
 

[Articolo originale: "Lixo acumulado nas ruas de Nápoles atinge as 3000 toneladas"]

 

Nella pagina successiva due articoli tedeschi: "I fedelissimi di Fini piantano in asso Berlusconi" e "Pronto alla battaglia, fino all’ultimo".

 

           
 

 

pagina 1 - 2

Commenta l'articolo>>> 

 

 

      Vedi altri articoli dello stesso autore
 



Aggiungi a elenco articoli preferiti

                                              Home   webmaster  Contatti    Registrati 

Copyright © Tecnologie Aperte 2003  http://www.newsphera.it