HOME PAGE        FOTOGALLERY     CONTATTI       VIDEO         ARCHIVIO        REGISTRATI         DOWNLOAD     COMMENTI       CHI SIAMO

                   A R E A   ISCRITTI

   E-mail  Password   

    
        16-11-2015. | THE NEWSPHERA BLOG
             SOMMARIO
  L'OPINIONE
  Politica
  Notizie dal mondo
  Arte e Cultura
  Economia e Finanza
  Tecnologia
  Salute e Benessere
  Costume e società
  Speciali e Inchieste
  Video
  Social Network
            RUBRICHE
  Malasanità
  Osservatorio Sociale
  Giustizia e Sicurezza
  Diritti Umani
  Guerre senza Pace
  Unione Europea
  Camera e Senato
  Istruzione
  Consumo Critico
  Media-Mente
  Ambiente
  Scienze
  Gossip 
  Cinema e Teatro
 

 

          NOVITÀ!

Download software free

Test ADSL
Misura gratuitamente la velocità del tuo sito

(c) speedtest-italy.com - Test ADSL

  Autori      

 

 

 

    

Al di là del bene e del male

 
9956 - 28/10/2010 - a cura di Pitch Black
Gruppo Bilderberg. Next step: acquistare Facebook


Il Gruppo Bilderberg (detto anche conferenza Bilderberg o club Bilderberg) è un incontro annuale per inviti, non ufficiale, di circa 130 partecipanti, la maggior parte dei quali sono personalità influenti in campo economico, politico e bancario. I partecipanti trattano una grande varietà di temi globali, economici, militari e politici.

Il gruppo si riunisce annualmente in hotel o resort
[1] di lusso in varie parti del mondo, normalmente in Europa, e una volta ogni quattro anni negli Stati Uniti o in Canada. Ha un ufficio a Leida nei Paesi Bassi[2]. L'incontro del 2009 ha avuto luogo dal 14 al 16 maggio ad Atene in Grecia.

Dato che le discussioni durante questa conferenza non sono mai registrate o riportate all'esterno, questi incontri sono stati oggetto di critiche ed anche oggetto di varie teorie del complotto. Il gruppo Bilderberg è stato a lungo sospettato, da alcuni, di essere una società segreta di tipo massonico.

Alex Jones, impegnato a girare un documentario sul Gruppo Bilderberg, è stato identificato e arrestato dalla polizia appena sbarcato all'aeroporto di Ottawa, rilasciato solo dopo interrogatorio. James Tucker sostiene che al meeting ci sia stata una forte frattura fra la compagine americana favorevole alla guerra in Iran e la fazione europea che invece era contraria alla soluzione militare. Quest'ultima informazione è stata confermata anche da alcuni file trapelati di recente grazie a Wikileaks.

L’obiettivo principale del gruppo è rappresentato dall’istituzione di un ipotetico ordine finanziario mondiale, in contrapposizione al concetto di sovranità monetaria nazionale. Diverse voci critiche sostengono che questo schema globale esporrebbe le economie dei paesi più fragili agli assalti speculativi da parte di gruppi finanziari transnazionali, particolarmente solidi. 

I partecipanti italiani alla riunione del Gruppo dal 1982 ad oggi. La similitudine con un assortimento in 'stile P2' è palese: a fianco di ciascun nome viene riportata la funzione ricoperta al momento dell'ultima partecipazione.

Gianni Agnelli
Umberto Agnelli
Krister Ahlström - presidente Ahlstrom
Alfredo Ambrosetti - presidente Gruppo Ambrosetti
Franco Bernabè - ufficio italiano per le iniziative sulla ricostruzione nei Balcani
Emma Bonino - membro della Commissione europea
Giampiero Cantoni - presidente BNL
Lucio Caracciolo - direttore Limes
Luigi G. Cavalchini - Unione Europea
Adriana Ceretelli - giornalista, Bruxelles
Innocenzo Cipolletta - direttore generale Confindustria
Gian C. Cittadini Cesi - diplomatico USA
Rodolfo De Benedetti - CIR
Ferruccio De Bortoli - RCS Libri
Gianni De Michelis - ministro degli Affari Esteri
Mario Draghi - direttore Ministero del Tesoro
John Elkann - vicepresidente FIAT e IFIL
Paolo Fresco - presidente FIAT
Gabriele Galateri - Mediobanca
Francesco Giavazzi - docente economia Bocconi
Giorgio La Malfa - segretario nazionale PRI
Claudio Martelli - deputato - Ministero Grazia e Giustizia
Rainer S. Masera - direttore generale IMI
Cesare Merlini - vicepresidente Council for the United States and Italy
Mario Monti - Commissione Europea
Tommaso Padoa Schioppa - BCE (Banca Centrale Europea)
Corrado Passera - Banca Intesa
Romano Prodi - presidente della Commissione Europea
Alessandro Profumo - Credito Italiano
Gianni Riotta - editorialista La Stampa
Virginio Rognoni - Ministero della Difesa
Sergio Romano - editorialista La Stampa
Carlo Rossella - editorialista La Stampa
Renato Ruggiero - vicepresidente Schroder Salomon Smith Barney
Paolo Scaroni - Enel SpA
Stefano Silvestri - Istituto Affari Internazionali
Domenico Siniscalco - direttore generale Ministero Economia
Barbara Spinelli - corrispondente da Parigi - La Stampa
Ugo Stille - Corriere della Sera
Giulio Tremonti - ministro dell'Economia
Marco Tronchetti Provera - Pirelli SpA
Walter Veltroni - editore L'Unità
Ignazio Visco - Banca d'Italia
Antonio Vittorino - Commissione Giustizia UE
Paolo Zannoni - FIAT


di Pitch Black - Fonte: PeaceReporter - 28 dicembre 2010

Commenta l'articolo>>> 

 

 

      Vedi altri articoli dello stesso autore
 



Aggiungi a elenco articoli preferiti

                                              Home   webmaster  Contatti    Registrati 

Copyright © Tecnologie Aperte 2003  http://www.newsphera.it