HOME PAGE        FOTOGALLERY     CONTATTI       VIDEO         ARCHIVIO        REGISTRATI         DOWNLOAD     COMMENTI       CHI SIAMO

                   A R E A   ISCRITTI

   E-mail  Password   

    
        16-11-2015. | THE NEWSPHERA BLOG
             SOMMARIO
  L'OPINIONE
  Politica
  Notizie dal mondo
  Arte e Cultura
  Economia e Finanza
  Tecnologia
  Salute e Benessere
  Costume e società
  Speciali e Inchieste
  Video
  Social Network
            RUBRICHE
  Malasanità
  Osservatorio Sociale
  Giustizia e Sicurezza
  Diritti Umani
  Guerre senza Pace
  Unione Europea
  Camera e Senato
  Istruzione
  Consumo Critico
  Media-Mente
  Ambiente
  Scienze
  Gossip 
  Cinema e Teatro
 

 

          NOVITÀ!

Download software free

Test ADSL
Misura gratuitamente la velocità del tuo sito

(c) speedtest-italy.com - Test ADSL

  Autori      

 

 

 

    

Al di là del bene e del male

 
9942 - Sei a > Ambiente - 17/04/2012 - da ilcambiamento.it
Eni ed Enel, le due sorelle<BR></font><font size="2" color="#000000">
    
    In Italia i vertici dei due colossi energetici 
    Eni ed Enel sono intercambiabili, e intanto si consuma lo spettacolo 
    raccapricciante e ostinato delle trivellazioni.


Del resto la connivenza, il rispetto pro forma delle leggi, l’omertà diffusa rendono il nostro paese appetibile oramai quanto un qualsiasi paese africano.

Prendiamo l’Eni. La psicosi dell’aumento del costo del petrolio, la benzina alle stelle stanno spalancando tutte le porte (idem per Enel and company). Come sta documentando la prof. Maria Rita D’Orsogna, il fenomeno delle trivellazioni si estende dalla Basilicata alla Calabria a metà di tutto il territorio dell’Abruzzo fino alla pianura Padana. Si chiede la D’Orsogna, oltre all’immenso danno al paesaggio e all’ecosistema investito dalle trivellazioni (dalle miscele tossiche usate per fluidificare le trivellazioni in profondità, strade, etc.), quale convenienza ci sia per il costoso ed energeticamente povero petrolio nostrale.

GUARDA IL VIDEO

Le trivelle da anni in funzione in Basilicata già mostrano quale vantaggio abbiano portato alla Regione

Le trivelle da anni in funzione in Basilicata già mostrano quale vantaggio abbiano portato alla Regione. Quest’ultima era la cenerentola delle regioni italiane ed oggi è ancora più povera e in abbandono. Quanto al petrolio estratto, dopo la sua raffinazione in loco (vedi accumulo di inquinanti) viene esportato in Turchia e poi dalla Turchia le petroliere tornano in Italia, ben cariche. Che meccanismo coperto è in atto? Quanto è il petrolio prodotto in Italia e quanto reimportato? Non si sa. E nemmeno si sanno le ragioni dell’andata e ritorno. Si possono però intuire.

Le trivelle da anni in funzione in Basilicata hanno reso la Regione ancora più povera
Quanto all’accoppiata delle due Sorelle, le multinazionali della nostra energia, il fatto che l’attuale Amministratore Delegato dell’Enel sia stato AD dell’Eni la dice lunga sulla intercambiabilità della cricca ai vertici della Famiglia, è il caso proprio di chiamarla così. In Germania, ad esempio, sarebbe impensabile che un petroliere passi all’elettrico, essendo carente della specializzazione (e che specializzazione!) tecnica.
In Italia no ripeto, i vertici dei due colossi energetici sono intercambiabili, l’unica specializzazione loro essendo quella, se si può dire così, managerial-politica, fatta di fiuto, conoscenza dei meccanismi (nazionali e internazionali) per inserirsi, affermarsi, sistemarsi adeguatamente, vuoi nella classe politica nazionale, vuoi in quella di altre nazioni (per lo più del terzo mondo, ma non solo).

È di questi giorni la scoperta presso il Ministero dell’Energia (o come si chiama) che un funzionario Enel aveva preparato il piano per escludere una bella fetta di rinnovabili spianando la strada alle avide-di-petrolio trivelle Eni. Una sorpresa? Per niente. È dall’1987 che manchiamo di una programmazione energetica e si va avanti con le due Sorelle che si prestano - bontà loro! - a fornire al Paese non solo l’energia, ma anche che tipi prevalenti di energia, e cioè, nella proverbiale latitanza del governo, Enel ed Eni scelgono loro quando e dove e come.

Domanda pleonastica, seguendo i propri interessi o quelli del Paese? Ergo quando Enel per la geotermia sull’Amiata si trovò in difficoltà per una centrale priva di VIA e indebitamente prorogata dalla Regione dal 2007 al 2013 - in difficoltà in quanto un giovane e brillante avvocato con il procedimento di autotutela aveva costretto la Regione a riaprire la vertenza - fu detto e fatto un ministro, Scajola, su istanza presumibilmente di Sorella Enel. Ministro, questo, ricordato appunto come il lesto-fante, che con un decreto legge prorogava tutte le centrali geotermiche al 2024, le più senza VIA.

"Enel ed Eni scelgono loro quando, dove e come"
È vero, siamo ripetitivi, continuiamo a ricordare il fatto, ma per un motivo molto semplice: siamo in Italia, dove i decreti legge si confezionano in un battibaleno, bypassando un Parlamento reso imbelle ma non solo, tradendo e vanificando in questo caso (ma gli esempi si possono moltiplicare beninteso) spirito e sostanza della altrimenti decisiva Valutazione di Impatto Ambientale.
Quindi in pratica sono vanificati impedimenti ed ostacoli ad una geotermia esiziale ed obsoleta, sull’altare di qualche decina o anche centinaia, che importa, di milioni di euro si sacrificano le fonti millenarie più importanti dell’Italia centrale. Dopo che abbiamo distrutto gran parte del patrimonio naturale di una nazione, la nostra, che bene o male è la culla del mondo occidentale (e non solo) con cemento e asfalto (vedi lo sciagurato boom economico) finiamo di mettere a sacco quello che resta con l’istinto - come chiamarlo altrimenti? - di rapina che anima Eni e Enel.

E non caso sempre l’Amiata è un simbolo di questo spirito rapinoso e distruttore prima con le miniere di mercurio di Eni, poi con le centrali geotermiche di Enel che subentrano nell’opera di devastazione e spoliazione. L’Amiata è veramente un territorio simbolo di quanto è avvenuto e avverrà al Paese.
Le denuncie così drammatiche e accorate della D’Orsogna. riguardo allo spirito di rapina di Eni agevolato da finte leggi emanate da un Parlamento finto, la tracotanza di un Enel travestito da ‘verde’ (Enel Green Power) indifferente non solo alla salute di chi abita vicino alle sue centrali, ma anche del bene comune ‘acqua’, l’esercito di piccole o medie imprese a mo' di cani famelici, pronte a spartirsi con la ‘geotermia virtuosa’ (circa 3mila istanze di ricerca presentate in Regione), la geotermia a media entalpia... non danno adito a molte speranze.

di Carlo Carlucci - ilcambiamento.it - 17 Aprile 2012

pagina 1

 

Commenta l'articolo>>>
 

I commenti dei lettori
 

 

 

      Vedi altri articoli dello stesso autore
 



Aggiungi a elenco articoli preferiti

                                              Home   webmaster  Contatti    Registrati 

Copyright © Tecnologie Aperte 2003  http://www.newsphera.it