HOME PAGE        FOTOGALLERY     CONTATTI       VIDEO         ARCHIVIO        REGISTRATI         DOWNLOAD     COMMENTI       CHI SIAMO

                   A R E A   ISCRITTI

   E-mail  Password   

    
        16-11-2015. | THE NEWSPHERA BLOG
             SOMMARIO
  L'OPINIONE
  Politica
  Notizie dal mondo
  Arte e Cultura
  Economia e Finanza
  Tecnologia
  Salute e Benessere
  Costume e società
  Speciali e Inchieste
  Video
  Social Network
            RUBRICHE
  Malasanità
  Osservatorio Sociale
  Giustizia e Sicurezza
  Diritti Umani
  Guerre senza Pace
  Unione Europea
  Camera e Senato
  Istruzione
  Consumo Critico
  Media-Mente
  Ambiente
  Scienze
  Gossip 
  Cinema e Teatro
 

 

          NOVITÀ!

Download software free

Test ADSL
Misura gratuitamente la velocità del tuo sito

(c) speedtest-italy.com - Test ADSL

  Autori      

 

 

 

    

Al di là del bene e del male

 
9999 - 14/11/2009 Alex Sfera
METODO DI ASTENSIONE:


Poi c’è chi vota scheda bianca, magari entrando lo stesso nella cabina per non far sapere ai presenti le sue reali intenzioni, e imbucando poi la scheda nell’urna lasciandola così come l’ha ricevuta. I sostenitori di questo metodo è bene sappiano che la loro scheda potrebbe magicamente tramutarsi in un voto a favore per il partito cui appartiene la maggioranza degli scrutinatori. Altra corrente filosofica sceglie la scheda nulla, che invalida con fantasiosi ghirigori. Come dire: contrasto un sistema iniquo con la mia spiccata personalità.

In questo periodo sul web sta anche girando una voce, molto controversa, la quale sostiene che in conformità a fantomatici Regolamenti, le schede bianche e quelle nulle verrebbero conteggiate in un unico cumulo da ripartire nel cosiddetto premio di maggioranza, quindi assegnate a chi ha preso più voti. Ebbene, la notizia è una bufala, giacché la spartizione dei seggi è regolata dal Titolo V della legge 270/05, il cosiddetto Porcellum (consultabile nel sito della Camera all’indirizzo http://www.camera.it/cost_reg_funz/667/668/726/listaArticoli.asp).

In ogni caso esiste un metodo infallibile per svolgere il proprio dovere di cittadino esemplare, ed esprimere al contempo il proprio dissenso circa l’attuale classe politica al gran completo, qualora uno non si sentisse per nulla rappresentato dai nostri partiti italiani. In pratica, la legge prevede il diritto al “non voto”. L’elettore ha la possibilità di recarsi al seggio, e una volta aver fatto vidimare la scheda, dichiarare di avvalersi della facoltà di rifiutare il voto, assicurandosi che tale dichiarazione sia messa a verbale. Può aggiungere, se lo desidera, una motivazione che giustifichi il suo rifiuto, ad esempio: "Nessuno dei politici inseriti nelle liste mi rappresenta”, la quale dovrà essere allegata in calce al verbale.

È possibile che il cittadino in questione si ritrovi davanti i volti sgomenti di scrutinatori e presidente di seggio che cadono dalle nuvole. Oppure questi ultimi potrebbero essere colti dal panico ed invocare qualche carabiniere dislocato nella struttura per chiedere lumi. Comunque vada, ricordate che le suddette schede di rifiuto al voto, sono contate e valide, contrariamente alle schede nulle o bianche o all’astensione dal voto.



commenta l'articolo>>>

 

 

 

      Vedi altri articoli dello stesso autore
 



Aggiungi a elenco articoli preferiti

                                              Home   webmaster  Contatti    Registrati 

Copyright © Tecnologie Aperte 2003  http://www.newsphera.it