HOME PAGE        FOTOGALLERY     CONTATTI       VIDEO         ARCHIVIO        REGISTRATI         DOWNLOAD     COMMENTI       CHI SIAMO

                   A R E A   ISCRITTI

   E-mail  Password   

    
        16-11-2015. | THE NEWSPHERA BLOG
             SOMMARIO
  L'OPINIONE
  Politica
  Notizie dal mondo
  Arte e Cultura
  Economia e Finanza
  Tecnologia
  Salute e Benessere
  Costume e società
  Speciali e Inchieste
  Video
  Social Network
            RUBRICHE
  Malasanità
  Osservatorio Sociale
  Giustizia e Sicurezza
  Diritti Umani
  Guerre senza Pace
  Unione Europea
  Camera e Senato
  Istruzione
  Consumo Critico
  Media-Mente
  Ambiente
  Scienze
  Gossip 
  Cinema e Teatro
 

 

          NOVITÀ!

Download software free

Test ADSL
Misura gratuitamente la velocità del tuo sito

(c) speedtest-italy.com - Test ADSL

  Autori      

 

 

 

    

Al di là del bene e del male

 
9934 - Sei a > Economia e Finanza - 18/10/2012 di Paolo Barnard
Draghi costringerà Monti a chiedere il "salvataggio", cioè a renderci tutti schiavi. Ecco come...


Premesse:

- I fondi salva Stati dell’Eurozona, EFSF e MES, sono i fondi d’emergenza a cui gli Stati a rischio d’insolvenza possono chiedere aiuto. Il problema, semplificando, è che chi si rivolge a questi fondi deve però sottoscrivere delle clausole (Memorandums of Understanding) dove si obbliga da quel momento a cedere ogni sovranità di governo in ambito economico alla Troika di Commissione UE, BCE, e Fondo Monetario. A divenire cioè pupazzi imbelli come la Grecia o come l’Irlanda oggi, con conseguenze orribili per i diritti e i redditi delle famiglie e delle aziende nazionali, emasculazione dei Parlamenti, devastazioni sociali, ecc.

- Sono mesi che
Mario Monti o il suo scherano Grilli insistono che l’Italia non dovrà assolutamente far ricorso a quei fondi ‘rendi-schiavi’. Bugie, come spiego sotto.

Non è vero che la BCE concede miliardi alle banche a gratis, deve sempre avere contropartite.

Le banche di quasi tutti i Paesi dell’Eurozona dipendono oggi ormai interamente dagli esborsi della BCE di Draghi (i LTRO) per sopravvivere, dato che sono tutte tecnicamente fallite da un pezzo, per svariati motivi, fra cui la loro indecente passata scelleratezza. Questo dà a Draghi un potere immenso oggi in Eurozona. Ma si faccia attenzione per capire meglio quanto dirò sotto: quando la BCE concede finanziamenti alle banche (LTRO appunto), pretende in cambio delle contropartite chiamate assets. Se no i soldi non arrivano.

Non è vero che la BCE concede miliardi alle banche a gratis, deve sempre avere contropartite. Ora, è ovvio che se la BCE giudica quelle contropartite inadeguate e le rifiuta, la banca rimane a secco. Ok?

Bene. La BCE si è di recente dotata di un pezzo di legislazione interna che si chiama
Struttura di Controllo del Rischio, che dà il potere alla Banca diretta da Draghi di giudicare qualsiasi contropartita bancaria (gli asset) inaccettabile, a sua esclusiva discrezione. Ecco cosa accadrà all’Italia:

La Troika (come già il Fondo Monetario sta facendo in queste ore) insisterà che l’Italia si affidi d’urgenza ai fondi salva Stati EFSF e MES. Monti farà la scenetta del “No! Non ne abbiamo bisogno”. Draghi manderà alle maggiori banche italiane una circolare dove si legge che “in virtù di quanto sancito dalla
Struttura di Controllo del Rischio, ahimè, gli asset in contropartita che le banche italiane ci offrono per i finanziamenti dalla BCE sono divenuti inaccettabili. Ergo, no soldi”. La banche si attaccheranno disperate al telefono e in 5 minuti Monti saprà che l’intero sistema bancario Italiano è a un passo dal crollo in stile 1929, cioè l’apocalisse economica e il panico per le strade. Al sesto minuto Monti farà sapere alla stampa che l’Italia ha accettato l’aiuto dei fondi salva Stati. Saremo servi, impotenti, delegittimati, senza più una sovranità neppure di facciata come oggi.

Ipotesi? Solo allarmate ipotesi? Per la cronaca: come credete che sia avvenuta la resa di Irlanda (2010) e Spagna (5/2012) agli aiuti dell’EFSF e della Troika rispettivamente? Esattamente come descritto sopra. Né Irlanda né Spagna erano realmente al collasso bancario, vi erano vie d’uscita, ma ahimè non gradite agli speculatori e ai ‘rentiers’ che controllano i colletti bianchi di BCE e FMI. Ergo, le hanno ricattate e rese schiave.

Sabato a Rimini, con Mosler, Parguez e Forstater, vi spieghiamo come difenderci, con potenza e autorevolezza. Dovremmo essere là in 7-8 milioni di adulti italiani. Saremo 7-8 cento, se va bene. Questa è l’Italia.

di Paolo Barnard - www.paolobarnard.info - 15 ottobre 2012 


pagina 1

 

Commenta l'articolo>>>
 

I commenti dei lettori
 

 

 

      Vedi altri articoli dello stesso autore
 



Aggiungi a elenco articoli preferiti

                                              Home   webmaster  Contatti    Registrati 

Copyright © Tecnologie Aperte 2003  http://www.newsphera.it