HOME PAGE        FOTOGALLERY     CONTATTI       VIDEO         ARCHIVIO        REGISTRATI         DOWNLOAD     COMMENTI       CHI SIAMO

                   A R E A   ISCRITTI

   E-mail  Password   

    
        16-11-2015. | THE NEWSPHERA BLOG
             SOMMARIO
  L'OPINIONE
  Politica
  Notizie dal mondo
  Arte e Cultura
  Economia e Finanza
  Tecnologia
  Salute e Benessere
  Costume e società
  Speciali e Inchieste
  Video
  Social Network
            RUBRICHE
  Malasanità
  Osservatorio Sociale
  Giustizia e Sicurezza
  Diritti Umani
  Guerre senza Pace
  Unione Europea
  Camera e Senato
  Istruzione
  Consumo Critico
  Media-Mente
  Ambiente
  Scienze
  Gossip 
  Cinema e Teatro
 

 

          NOVITÀ!

Download software free

Test ADSL
Misura gratuitamente la velocità del tuo sito

(c) speedtest-italy.com - Test ADSL

  Autori      

 

 

 

    

Al di là del bene e del male

 
9998 - 17/11/2009 - di Pierfrancesco Proietti
2-CHI HA PAURA DEL PIÙ NUMEROSO GRUPPO FACEBOOK ANTI-CACCIA?


Se fosse ipotizzabile la manipolazione volontaria da parte di qualcuno, pensate possibile che il Gruppo Facebook contro il Ddl del Sen. Orsi faccia così paura?
«E' certo che il nostro gruppo ha coagulato nel tempo buona parte degli utenti Facebook anti-caccia d'Italia, molti si sono iscritti al social forum proprio per aderirvi. Inoltre andiamo anche oltre il virtuale, giacché seguiamo direttamente e attivamente le fasi previste a livello legislativo relative al Disegno di Legge del Sen. Orsi e facciamo informazione al fine di raccogliere il dissenso alla liberalizzazione della caccia in Italia. Di certo siamo scomodi alla controparte venatoria. Il nostro Gruppo non si caratterizza per gli scontri a suon di parolacce tra anti-caccia e cacciatori, il nostro intento è fare informazione sul fenomeno caccia in Italia, fornendo anche i dati aggiornati delle vittime per armi da caccia raccolti dall'Associazione Vittime della Caccia e tenendo in all'erta il movimento circa l'iter del disegno di legge in questione.

Il Ddl ha subito una serie di arresti a causa della forte contrarietà dell'opinione pubblica, recepita trasversalmente dal mondo politico. A poco servirà alle associazioni venatorie di affiancarsi ad un'associazione pseudo-ambientalista come Fare Ambiente, anch'essa costituita da cacciatori, con la quale oggi 17 novembre terranno un convegno in Senato per rilanciare la discussione del Disegno di Legge Orsi e farlo ripartire. Le finte vesti, la gente oramai le sa riconoscere!».

Volendo scartare l'ipotesi della manipolazione volontaria del numero degli iscritti, quale potrebbe essere secondo voi la ragione di questo stillicidio di aderenti al Gruppo?
«Noi vorremmo pensare che si tratti di un bug nel sistema di Facebook, che magari si attiva solo di giorno, anche se questa particolarità ci fa un po' pensare. Di certo, se tale fosse, credo che sarebbe davvero il caso che i responsabili del social network si attivassero per porvi rimedio. Questo anche a tutela della libertà di espressione che il Social Network, promotore della comunicazione tra la gente, dovrebbe difendere. Chiediamo pertanto ai responsabili di Facebook di chiarire la natura di questo problema quanto prima, noi intanto rendiamo pubblico sulla bacheca del Gruppo tutte le statistiche dei conteggi e forse, qualcosa cambierà».

Intervista di Pierfrancesco Proietti

I firmatari, amministratori del gruppo:
Daniela Casprini, Davide Vianello, Eva Milan, Maria-Rosaria Briguglio, Rosario Madaffari.



commenta l'articolo>>>

 

 

 

      Vedi altri articoli dello stesso autore
 



Aggiungi a elenco articoli preferiti

                                              Home   webmaster  Contatti    Registrati 

Copyright © Tecnologie Aperte 2003  http://www.newsphera.it