HOME PAGE        FOTOGALLERY     CONTATTI       VIDEO         ARCHIVIO        REGISTRATI         DOWNLOAD     COMMENTI       CHI SIAMO

                   A R E A   ISCRITTI

   E-mail  Password   

    
        16-11-2015. | THE NEWSPHERA BLOG
             SOMMARIO
  L'OPINIONE
  Politica
  Notizie dal mondo
  Arte e Cultura
  Economia e Finanza
  Tecnologia
  Salute e Benessere
  Costume e società
  Speciali e Inchieste
  Video
  Social Network
            RUBRICHE
  Malasanità
  Osservatorio Sociale
  Giustizia e Sicurezza
  Diritti Umani
  Guerre senza Pace
  Unione Europea
  Camera e Senato
  Istruzione
  Consumo Critico
  Media-Mente
  Ambiente
  Scienze
  Gossip 
  Cinema e Teatro
 

 

          NOVITÀ!

Download software free

Test ADSL
Misura gratuitamente la velocità del tuo sito

(c) speedtest-italy.com - Test ADSL

  Autori      

 

 

 

    

Al di là del bene e del male

 
9999 - 18/01/2010 - La Redazione

AUMENTA LA DISTRIBUZIONE DIRETTA


AUMENTA LA DISTRIBUZIONE DIRETTA

Giampaolo Fabris, sociologo dei consumi all’Università San Raffaele di Milano, sostiene una cosa che a molti suona in modo terribile: la crisi economica nell’ambito del commercio ha innescato un meccanismo virtuoso. Fabris allude al fenomeno dei Farmer markets, mercati “senza mercanti” che accorciano la filiera poiché permettono l’incontro diretto tra produttore e consumatore. Negli Usa nascono negli anni ’70 e oggi si stanno espandendo rapidamente, anche qui da noi. Fabris sostiene che queste nuove realtà comporteranno una piccola rivoluzione culturale.

di Pierfrancesco Proietti

In città come Los Angeles e New York, dove il sociologo è stato di recente, i contadini si stanno organizzando in catene specializzate per vendere solo prodotti biologici direttamente ai clienti finali. Con questo tipo di distribuzione i prezzi al dettaglio riescono a scendere anche fino al 40 per cento. Di questi tempi il notevole risparmio è un ottimo incentivo. Senza contare che al prezzo basso si unisce anche un prodotto più genuino, e dal sapore più naturale.

Ovviamente i negozianti “classici” vedono come il fumo agli occhi i coltivatori diretti: sia perché non possono competere con le terre dei Farmers, sia perché questi ultimi rivestono anche una sorta di funzione calmieratrice sugli scontrini. Il negoziante vecchio stile vorrebbe considerare questo modello di vendita emergente come fenomeno di folclore. In Italia sono ancora pochi in percentuale al totale delle imprese, ma la loro velocità esponenziale di crescita la dice lunga sullo scenario che si delineerà nei prossimi anni. E punteranno soprattutto sui luoghi di smercio non convenzionali, atipici, per guadagnare nuove fette di mercato.

Nel 2009, qui da noi, le vendite dei prodotti tradizionali sono calate parecchio, solo il biologico venduto nei supermercati è salito dell’otto per cento. Se la grande distribuzione intuisse questo trand potrebbe anche rilanciarsi con prodotti che, sì, costano un venti per cento in più, ma riescono ad assicurare la qualità al cliente, il cui interesse verso i cibi “no ogm” e senza pesticidi è in costante aumento.

L’Italia, tra cascine, cantine e frantoi attrezzati per la vendita, ne conta in totale 60 mila e 700. Molti sono in Toscana, Emilia, Piemonte e Lombardia, cui vanno sommati i cinquecento mercati della Coldiretti. A Roma c’è quello del Forte Prenestino: una domenica al mese il centro sociale allestisce un mega banco di formaggi e verdure, che attira migliaia di visitatori. Il sindaco Gianni Alemanno di recente ne ha inaugurati due, nell’ex mattatoio di Testaccio e nel vecchio mercato del pesce a Via di San Teodoro. Amministratori di destra e di sinistra hanno aperto spazi a Velletri, Torino, Venezia, Mestre, Benevento, Milano.

Il giro d’affari è di due miliardi e 700 milioni di euro, i due terzi destinati a vino ed ortofrutta. I punti fondamentali da rispettare sono: stagionalità, vendita locale con zero spese per i trasporti, creare luoghi conviviali per ritrovarsi insieme. E oltre agli slogan arrivano i soldi. Le aziende Probios e Bioera incrementano i profitti, mentre una società del gruppo Burani ha fatturato 110 milioni di euro grazie a stuzzichini bio e simili. L’ultima frontiera sarà costituita dalle community supporters, negli States già molto attive, da noi ribattezzati “gruppi d’acquisto solidale” (Gas).

Gente che insieme compra grandi quantità di cibo biologico da un unico produttore. La Bio Bank italiana (http://www.biobank.it/it/indexBIO.asp) dice che nel 2008 il loro numero è aumentato del 35 per cento. In tutto il paese ufficialmente sono cinquecento, e il divario esistente tra Nord e Sud anche qui è spaventoso: in Lombardia sono centoventi, mentre in Calabria solamente due. Carlo Petrini, fondatore di Slow Food e Terra Madre e guru dello sviluppo sostenibile vorrebbe convertire le community in coproduttori e lanciarle su tutto il territorio lombardo. Con l’obiettivo di utilizzare i 47 mila ettari del parco di Milano Sud, ora improduttivi, per rilanciare l’agricoltura.


Commenta l'articolo>>>

 

 

Segui  NewSphera

-----------------------

NewSphera Magazine

 

 

 



                                              Home   webmaster  Contatti    Registrati 

Copyright © Tecnologie Aperte 2003  http://www.newsphera.it