HOME PAGE        FOTOGALLERY     CONTATTI       VIDEO         ARCHIVIO        REGISTRATI         DOWNLOAD     COMMENTI       CHI SIAMO

                   A R E A   ISCRITTI

   E-mail  Password   

    
        16-11-2015. | THE NEWSPHERA BLOG
             SOMMARIO
  L'OPINIONE
  Politica
  Notizie dal mondo
  Arte e Cultura
  Economia e Finanza
  Tecnologia
  Salute e Benessere
  Costume e società
  Speciali e Inchieste
  Video
  Social Network
            RUBRICHE
  Malasanità
  Osservatorio Sociale
  Giustizia e Sicurezza
  Diritti Umani
  Guerre senza Pace
  Unione Europea
  Camera e Senato
  Istruzione
  Consumo Critico
  Media-Mente
  Ambiente
  Scienze
  Gossip 
  Cinema e Teatro
 

 

          NOVITÀ!

Download software free

Test ADSL
Misura gratuitamente la velocità del tuo sito

(c) speedtest-italy.com - Test ADSL

  Autori      

 

 

 

    

Al di là del bene e del male

 
9997 - 08/04/2011 - di Notte Bianca della scuola e della democrazia

Venerdì 8 aprile: Notte Bianca della scuola e della democrazia
Il programma delle città, gli ospiti, gli orari, tv e siti della diretta: un grande evento per ricominciare a costruire il futuro


Venerdì 8 aprile: Notte Bianca della scuola e della democrazia
<br><b>   <font face="Tahoma" size="2">  <font color="#000000">
Il programma delle città, gli ospiti, 
        gli orari, tv e siti della diretta: un grande evento per ricominciare a 
        costruire il futuro</font>   </b>  <br>

Doppio appuntamento, tra la notte dell’8 e la giornata del 9 aprile per denunciare con la presenza in piazza le condizioni indecenti in cui versa la scuola pubblica in Italia, frutto di una politica negligente sulla tutela del bene collettivo per antomanasia. Il primo dei due eventi avrà luogo questa sera: la "Notte bianca della scuola e della democrazia”, promossa dal Partito Democratico, attenderà i suoi sostenitori nei teatri di Milano, Torino, Bologna, Napoli, Roma -collegate in diretta televisiva e web- e Trieste, Genova, Novara, Guastalla (Reggio Emilia), e Mamoiada (Nuoro) dove il Pd ha mobilitato politici, insegnanti, studenti, famiglie e personaggi della cultura e dello spettacolo.

 

Sarà un grande occasione di incontro e confronto per ridare significato al valore del lavoro degli insegnanti, colonne portanti di un paese realmente democratico e civile, che identifica nei giovani e in chi si occupa della loro formazione uno dei principali propellenti per far uscire dalla condizione d’immobilismo il nostro paese e rilanciarlo verso il futuro. La manifestazione sarà anche un momento per riflettere sull’intenzione del governo di attuare una riforma nel sistema della giustizia che penalizzerebbe i già scarsi strumenti normativi in mano agli inquirenti per contrastare efficacemente le connivenze tra la criminalità organizzata e il malaffare che si annida nella politica. I temi della “maratona notturna”, anticipati dal segretario del Pd Pier Luigi Bersani e contenuti nelle proposte del Pd, sono tesi alla difesa della scuola pubblica per ridare dignità e centralità alla figura dell’insegnante, umiliato dai crescenti livelli di precarizzazione cui è sottoposta la categoria su tutto il territorio italiano

Le proposte s’incentrano su: il ritiro della terza tranche di tagli prevista per il prossimo anno scolastico la stabilizzazione di chi sta lavorando su posti vacanti, per assicurare la continuità didattica che è parte della qualità della scuola l’istituzione di un organico funzionale per le scuole autonome investimenti nella formazione degli insegnanti e per l'innovazione didattica.

“Scuola e democrazia – ha spiegato la Responsabile scuola nella Segreteria del Pd
Francesca Puglisi sono un binomio indivisibile. Scendiamo in piazza per difenderle entrambe, perché il futuro dei giovani è anche il futuro del Paese. Un futuro che diventa sempre più difficile. I prossimi tagli di 19.500 insegnanti e 14.500 di personale Ata metteranno la scuola in ginocchio. Gli effetti dei tagli passati già si vedono con aule sempre più affollate, impossibilità di rispondere alle domande di tempo pieno che invece aumentano sempre di più”.

Chi non parteciperà direttamente alla Notte Bianca può seguire l’evento sul sito on line del Pd o su www.lanottebiancadellascuola.it e in tv, su Youdem.tv (Sky 813), oltre ai siti e le tv private che manderanno in onda la manifestazione.

La maratona partirà dal tardo pomeriggio quando, alle 18, ad aprire l'evento sarà la
web-videoradio dedicata, radio Notte bianca, in diretta streaming e video. Dalle 21, si potranno seguire le dirette dalle cinque città collegate: Bologna, Roma, Milano, Torino, Napoli.

Queste le città collegate dalla diretta:
la
notte bolognese, cui parteciperanno il segretario nazionale del Pd, Pier Luigi Bersani, e il candidato sindaco, Virginio Merola, sarà ospitata nel Teatro Testoni Ragazzi e condotta dal giornalista Rai Santo Della Volpe. Fra gli ospiti, il direttore de l'Unità Concita De Gregorio e il presidente della Regione Emilia Romagna Vasco Errani. Previste anche le testimonianze di alcuni rappresentanti del mondo della scuola bolognese, di Roberto Frabetti (direttore del Festival Europeo), Antonio Danieli (Scienza in piazza) e altri. La Notte di Bologna sarà dedicata a Ettore Tarozzi, l’assessore dei sindaci Dozza, Fanti, Zangheri, "papà" del tempo pieno, della scuola dell’infanzia comunale e del febbraio pedagogico, scomparso alcuni giorni fa.

A
Milano a fare da sfondo alla serata sarà il Palazzo delle Stelline in Corso Magenta 61. Oltre a Giuliano Pisapia, candidato sindaco di Milano, tra gli ospiti che parteciperanno alla serata ci saranno il pianista Roberto Cacciapaglia, lo scrittore Antonio Scurati e l'insegnante Marco Rossi Doria, gli artisti Antonio Cornacchione e Flavio Oreglio. Testimonianze anche di studenti e docenti. La voce del Pd sarà quella del presidente del gruppo democratico alla Camera, Dario Franceschini, e delle parlamentari Marilena Adamo e Emilia De Biasi. Presenterà Maria Piera Ceci, giornalista di Radio 24.

A
Torino, alla Fabbrica delle E di Corso Trapani 95, invece, la serata sarà presentata dal duo comico I Mammuth e vedrà protagonisti, tra gli altri, insieme al candidato sindaco Piero Fassino, il rettore del Politecnico Francesco Profumo e il prorettore dell'Università Sergio Roda, l'ex calciatore Massimo Mauro, gli scrittori Alessandro Perissinotto e Younis Tawfik, gli artisti Marco Bertone e Beppe Braida.

Alla
Galleria Principe di Napoli, di fronte al Museo Archeologico Nazionale, alcuni reportage video testimonieranno delle eccellenze della scuola napoletana, mentre presidi, insegnanti e studenti racconteranno la loro quotidiana esperienza nella scuola al tempo della Gelmini. Nel corso della serata, aperta dal Coro dell’Istituto Mazzini di Napoli e presentata dall’attrice Rosaria De Cicco, interverranno il candidato sindaco di Napoli del Partito Democratico Mario Morcone, la presidente del PD Rosy Bindi e la consigliera regionale Angela Cortese. Alcuni attori leggeranno inoltre passi della Costituzione, dei discorsi di Piero Calamandrei e passi tratti da “Lettera a una professoressa”, scritta dagli allievi della scuola di don Lorenzo Milani, mentre la giornalista Matilde Andolfo, co-autrice del “Diario di Annalisa Durante”, ne condividerà con il pubblico diverse pagine. Porteranno il loro contributo anche Geppino Fiorenza e don Tonino Palmese dell’associazione contro le mafie Libera e la scrittrice Clara Sereni. A concludere, un concerto del quartetto jazz guidato dal pianista Francesco D'Errico, che presenterà il suo nuovo album, “A glance”.

A
Roma l'iniziativa, che parlerà anche del mondo della ricerca, si svolgerà nella Casa delle Culture, a Trastevere (via San Crisogono, 45), con testimonianze, video, musica. Tra gli altri vi prenderanno parte il premio Oscar Vincenzo Cerami, sceneggiatore tra l'altro de "La vita è bella", lo scrittore e insegnante Marco Lodoli, il direttore di Europa, Stefano Menichini, e la presidente del gruppo PD al Senato Anna Finocchiaro.
Il programma sarà aperto dal discorso pronunciato da
Piero Calamandrei a Roma l'11 febbraio 1950 al congresso dell’Associazione per la Difesa della Scuola Nazionale, letto dall'attrice e "preside" Elda Alvigini. Predisposta anche un'area giochi per i bambini, con animazione curata dall'associazione "Il flauto magico" all'interno della quale i bambini disegneranno e coloreranno le cartoline 'La scuola che vorrei'.
Prima dell'appuntamento alla Casa delle Culture, è prevista una
fiaccolata che partirà, alle ore 19, dalla scuola Regina Margherita (via Madonna dell'Orto, 2), la più antica di Roma, per arrivare fino al ministero dell'Istruzione, dove verranno spente le fiaccole a simboleggiare come questo governo faccia di tutto per spegnere la scuola pubblica italiana. Durante l'iniziativa, inoltre, proseguirà la raccolta firme del Pd Roma in difesa delle mense scolastiche che ha già raccolto oltre 10 mila adesioni.
Nelle cinque sedi saranno proiettate
video testimonianze di Ennio Morricone, Tullio De Mauro, Dacia Maraini, Corrado Augias, Riccardo Iacona

 

 

Segui  NewSphera

-----------------------

NewSphera Magazine

 

 

 



                                              Home   webmaster  Contatti    Registrati 

Copyright © Tecnologie Aperte 2003  http://www.newsphera.it