HOME PAGE        FOTOGALLERY     CONTATTI       VIDEO         ARCHIVIO        REGISTRATI         DOWNLOAD     COMMENTI       CHI SIAMO

                   A R E A   ISCRITTI

   E-mail  Password   

    
        16-11-2015. | THE NEWSPHERA BLOG
             SOMMARIO
  L'OPINIONE
  Politica
  Notizie dal mondo
  Arte e Cultura
  Economia e Finanza
  Tecnologia
  Salute e Benessere
  Costume e società
  Speciali e Inchieste
  Video
  Social Network
            RUBRICHE
  Malasanità
  Osservatorio Sociale
  Giustizia e Sicurezza
  Diritti Umani
  Guerre senza Pace
  Unione Europea
  Camera e Senato
  Istruzione
  Consumo Critico
  Media-Mente
  Ambiente
  Scienze
  Gossip 
  Cinema e Teatro
 

 

          NOVITÀ!

Download software free

Test ADSL
Misura gratuitamente la velocità del tuo sito

(c) speedtest-italy.com - Test ADSL

  Autori      

 

 

 

    

Al di là del bene e del male

 
9982 - Sei a > Giustizia e Sicurezza - 26/06/2011 - di Redazione Articolo 21

Revoca della scorta a Gianni Lannes


Revoca della scorta a Gianni Lannes

Nonostante i numerosi attentati subiti, l'ultimo nell'aprile di quest'anno, i messaggi minatori, il furto di un pc e di un hard disk nel suo studio appena lo scorso anno, il Ministero dell'interno, sembra su proposta del prefetto di Foggia, ha deciso di revocare la scorta al giornalista investigativo Gianni Lannes. La decisione, riferisce il giornalista, sarebbe stata presa proprio il 19 luglio.

 

Il giornalista noto per le inchieste sulle navi dei veleni, sull'omicidio Alpi-Rhovatin, sulla strage di Ustica, ma anche sulla mafia e la sanità pugliese, rimarrà senza protezione a partire dalla metà di agosto, nonostante abbia subito in questi anni una serie di atti intimidatori. Sconcerto immediato è quello immediatamente espresso non solo dagli amici ma anche dalla deputata radicale Elisabetta Zamparutti: "La decisione di revocare la scorta al giornalista investigativo Gianni Lannes, nonostante il ripetersi di avvertimenti di stampo mafioso segnalati anche con interrogazioni parlamentari al Ministro dell’Interno, è un fatto grave.”


“Considero la revoca della scorta - ha dichiarato la deputata radicale - un atto intimidatorio analogo a quelli commessi da parte di chi è stato infastidito dalle sue inchieste sul traffico dei rifiuti nucleari, sulla malasanità pugliese (tema su cui in queste settimane sta scrivendo un libro), sul traffico di armi, sulla mafia pugliese, e da ultimo dalla ripresa delle indagini sulla morte di
Ilaria Alpi e Miran Hrovatin, sulla strage di Ustica e sulle navi dei veleni.”

 

di Redazione Articolo 21 - 21 luglio 2011

 

  

pagina 1

Commenta l'articolo>>>

 

 

Segui  NewSphera

-----------------------

NewSphera Magazine

 

 

 



                                              Home   webmaster  Contatti    Registrati 

Copyright © Tecnologie Aperte 2003  http://www.newsphera.it