HOME PAGE        FOTOGALLERY     CONTATTI       VIDEO         ARCHIVIO        REGISTRATI         DOWNLOAD     COMMENTI       CHI SIAMO

                   A R E A   ISCRITTI

   E-mail  Password   

    
        16-11-2015. | THE NEWSPHERA BLOG
             SOMMARIO
  L'OPINIONE
  Politica
  Notizie dal mondo
  Arte e Cultura
  Economia e Finanza
  Tecnologia
  Salute e Benessere
  Costume e società
  Speciali e Inchieste
  Video
  Social Network
            RUBRICHE
  Malasanità
  Osservatorio Sociale
  Giustizia e Sicurezza
  Diritti Umani
  Guerre senza Pace
  Unione Europea
  Camera e Senato
  Istruzione
  Consumo Critico
  Media-Mente
  Ambiente
  Scienze
  Gossip 
  Cinema e Teatro
 

 

          NOVITÀ!

Download software free

Test ADSL
Misura gratuitamente la velocità del tuo sito

(c) speedtest-italy.com - Test ADSL

  Autori      

 

 

 

    

Al di là del bene e del male

 
9941 - Sei a > Ambiente - 02/06/2012 - da Greenreport.it

La geoingegneria sbiancherà il cielo?
Con l'aerosol artificiale addio al cielo blu


La geoingegneria sbiancherà il cielo?<br></font><font size="2" color="#000000">Con l'aerosol artificiale addio al cielo blu

Geological Research Letters, la rivista della American geophysical union, pubblica oggi la ricerca "Geoengineering: Whiter Skies?" che mette in evidenza un altro e preoccupante aspetto della geoingegneria che vorrebbe "salvare" il pianeta e rischia di mutarne l'aspetto, perfino quello del cielo. Un'idea per combattere il global warming è quella di aumentare la quantità di aerosol nell'atmosfera, disperdendo l'energia solare in arrivo dalla superficie della Terra.

Secondo Ben Kravitz, Douglas G. MacMartin e Ken Caldeira, i tre scienziati californiani che hanno condotto lo studio, «Un effetto collaterale della proposta della geoingegneria di solfati stratosferici è lo 'sbiancamento' durante il giorno e gli ultimi bagliori al tramonto, come si vede dopo grandi eruzioni vulcaniche. L'aerosol di solfati nella stratosfera aumenterebbe la luce diffusa ricevuta dalla superficie, ma con una non uniforme distribuzione spettrale».

La ricerca dimostra che con la geoingegneria atmosferica ovunque i cieli del pianeta potrebbero somigliare a quelli di molte aree urbane, dove il cielo appare spesso opaco e bianco.

Il team statunitense ha utilizzato un "radiative transfer model" per calcolare l''irradianza' spettrale per le distribuzioni e dimensioni ideali di aerosol di solfati ed è giunto alla conclusione che «Una riduzione del 2% in 'irradianza' totale, approssimativamente sufficiente a compensare il riscaldamento antropico di un raddoppio delle concentrazioni di CO2, illumina il cielo (aumento della luce diffusa) da 3 a 5 volte, a seconda della distribuzione dimensionale dell'aerosol. L'incremento relativo è otticamente minore quando nelle nostre simulazioni hanno incluso cirri sottili».

Il modello a cui si rifà la geoingegneria per contrastare l'effetto delle emissioni di CO2 prodotte dalla combustione di carbone, petrolio e gas sono le grandi eruzioni vulcaniche che hanno più volte raffreddato il pianeta immettendo una grande quantità di piccole particelle nella stratosfera, ma queste particelle ricadono entro un paio d'anni e il pianeta si riscalda nuovamente. L'idea della geoingegneria "solare" è quella di rifornire costantemente uno strato di piccole particelle nella stratosfera, imitando una "scia vulcanica" e respingendo così la luce solare verso lo spazio.

I modelli degli scienziati prevedono che il cielo resterà ancora blu, o meglio celestino,una tonalità molto più chiara di quello che la maggior parte delle persone sono abituate a vedere attualmente. La ricerca dimostra che con la geoingegneria atmosferica ovunque i cieli del pianeta potrebbero somigliare a quelli di molte aree urbane, dove il cielo appare spesso opaco e bianco.

«Questi risultati forniscono alla gente una cosa da prendere in considerazione prima di decidere se vogliamo davvero andare su questa strada - sottolinea Kravitz, del Department of global ecology della Carnegie institution for science - Anche se il nostro studio non ha affrontato il potenziale impatto psicologico di questi cambiamenti nel cielo, che pure sono importanti da considerare».
Ma lo studio evidenzia anche più ampie implicazioni ambientali, dato che le piante crescono in modo più efficiente in condizioni di luce diffusa, l'attività foto-sintetica globale potrebbe aumentare, assorbendo più CO2 dall'atmosfera ma d'altra parte, «L'efficacia dell' energia solare potrebbe essere diminuita, dato che meno luce solare raggiungerebbe i generatori elettrici solari».

«Spero che non dobbiamo arrivare al punto in cui le persone sentono il bisogno di spruzzare aerosol nel cielo per compensare il rampante global warming - dice Caldeira - Questo è uno studio per il quale non desideriamo che venga data ragione alle nostre previsioni da una cappa globale di aerosol stratosferico nel mondo reale». 

Fonte: Greenreport.it - 1 giugno 2012

pagina 1

 

Commenta l'articolo>>>
 

I commenti dei lettori

 

 

Segui  NewSphera

-----------------------

NewSphera Magazine

 

 

 



                                              Home   webmaster  Contatti    Registrati 

Copyright © Tecnologie Aperte 2003  http://www.newsphera.it